Raspberry Pi e' un piccolo computer a prezzo minimo, che occupa poco posto e consuma pochissima corrente elettrica. Utilizza dei Linux minimali per massimizzare l'uso delle risorse hardware e della ram ridotta. Utile anche a chi vive in montagna, sulle isole, viaggia in barca, organizza corsi scolastici, subisce la crisi economica oppure ha necessita' limitate in un pc a basse prestazioni. Veramente geniale.

 

Versione beta della scheda, con in vista i connettori GPIO in alto a sinistra.



Una comunita' italiana dedicata al Raspberry Pi:
http://www.raspberryitaly.com

Come programmare una scheda Arduino con Raspberry Pi:
http://www.maffucci.it

Come alimentare un Raspberry Pi con delle celle solari:
http://www.instructables.com

 

Schema a blocchi del Raspberry Pi.



Il Raspberry Pi è un single-board computer (un calcolatore implementato su una sola scheda elettronica) sviluppato nel Regno Unito dalla Raspberry Pi Foundation. Il suo lancio al pubblico è avvenuto il 29 febbraio 2012[1]. Finora, ne sono state prodotte sette versioni (Modelli: A, B, A+, B+, 2, Zero, 3) con prezzi da 5 a 35 dollari statunitensi. L'idea di base è la realizzazione di un dispositivo economico, concepito per stimolare l'insegnamento di base dell'informatica e della programmazione nelle scuole. Il progetto ruota attorno a un System-on-a-chip (SoC) Broadcom (BCM2835[2], oppure BCM2836 per il Raspberry Pi 2, o BCM2837 per Raspberry Pi 3), che incorpora un processore ARM, una GPU VideoCore IV, e 256 o 512 Megabyte o 1 Gigabyte di memoria. Il progetto non prevede né hard disk né una unità a stato solido, affidandosi invece a una scheda SD per il boot e per la memoria non volatile. La scheda è stata progettata per ospitare sistemi operativi basati sul kernel Linux o RISC OS. È assemblata fisicamente in Galles, nel Sony UK Technology Centre.

Lo sviluppo del dispositivo è portato avanti dalla Raspberry Pi Foundation, organizzazione di beneficenza registrata presso la Charity Commission for England and Wales. Il suo scopo è "promuovere lo studio dell'informatica e di argomenti correlati, soprattutto a livello scolastico, e di riportare uno spirito di divertimento nell'apprendimento del computer". La fondazione Raspberry Pi promuoverà principalmente l'apprendimento nel linguaggio di programmazione Python, ma sosterrà anche l'uso del BBC BASIC, del Ce del Perl. Saranno disponibili molti altri linguaggi supportati da Linux e ARM.

La fondazione, nel corso degli anni, ha realizzato più modelli. Il più economico è il Raspberry Pi Zero, il primo computer completo al mondo dal costo di 5 USD, dotato di 512 megabyte di RAM. Il Model A+ costa 20 USD, ha una singola porta USB ed è privo di controller Ethernet. Il Model B è equipaggiato con due porte USB ed un controller Ethernet 10/100 e costa 35 Dollari. A partire del 15 ottobre 2012 il Model B monta 512 Megabyte di RAM. Recentemente è stato messo in vendita un update concettuale del Model B chiamato Model B+, dotato di 512 Megabyte di RAM, 4 porte USB, ed un sistema di alimentazione ripensato da zero. Anche il Model B+ costa 35 dollari. Sebbene i Modelli A e A+ non abbiano una porta Ethernet RJ45, può comunque accedere a una rete attraverso la porta USB, facendo uso di adattatori Ethernet o Wi-Fi con alimentazione autonoma. In maniera analoga ai moderni computer, Raspberry Pi è compatibile con tastiere e mouse generici collegabili tramite porta USB. Raspberry PI non è fornito di un real-time clock, così un sistema operativo deve usare un network time server, o chiedere l'ora all'utente al bootstrap per avere accesso a data e ora per la marca temporale. Tuttavia è facile aggiungere un real time clock (come il DS1307) con batteria tampone, attraverso l'interfaccia I²C.

La Raspberry Pi Foundation diffonde ufficialmente sistemi operativi basati su GNU/Linux, fra cui NOOBS e Raspbian. NOOBS è un installatore semplificato mentre Raspbian è una distribuzione basata su Debian GNU/Linux. Esistono distribuzioni per l'utilizzo del Raspberry Pi come Media Center basate su Kodi: OpenELEC, XBian e OSMC. Il software di monitoraggio di rete Overlook Fing è stato portato su piattaforma Raspberry Pi rendendo possibile installare sentinelle di monitoraggio a basso costo in reti remote. Il software open source Aseba per la programmazione semplice ed efficiente di robot è disponibile su Raspberry PI. Utilizzando il Raspberry PI in unione con Aseba e il robot Thymio II è possibile creare a costi veramente contenuti un vero e proprio laboratorio didattico di Robotica. Il robot Thymio II è stato sviluppato nell'ambito del programma NCCR Robotics dalla collaborazione tra l'Ecole Polytechnique Fédérale de Lausanne (EPFL) e l'Ecole Cantonale d'Art de Lausanne (écal). Mojang e 4J Studios stanno sviluppando una versione di Minecraft per questa piattaforma.

Fonte: http://it.wikipedia.org

 

Disegno del Raspberry pi 2.

 

Un esemplare (versione alpha) al RISC OS London Show (autunno 2011).



Il computerino diventa grande e così Raspberry Pi ha pronto il suo primo Pi Starter Kit, un mezzo potente ed efficace per avvicinare al microcomputer più noto di sempre anche i neofiti. Nella scatola troviamo un Raspberry Pi 3 Model B e un piccolo case per proteggerlo, una microSD da 8GB con preinstallato NOOBS, il software che consente di installare qualsiasi sistema operativo, ci sono poi una tastiera e un mouse Usb, il cavo per l’alimentazione e quello HDMI. Insomma c’è tutto il necessario per iniziare a smanettare con il Pi, a ben vedere manca solo il monitor, ma la chicca ancora non te l’abbiamo detta. Il kit infatti comprende anche "Adventures in Raspberry Pi", libro che presenta in modo chiaro e preciso nove progetti realizzabili fin da subito con il microcomputer. Insomma, un buon modo questo per portare il Pi anche ai meno esperti soprattutto ora che l’azienda sta celebrato i dieci milioni di unità vendute. Il kit sarà presto disponibile online a 99 sterline, circa 120 euro spese escluse.

Fonte: http://www.wired.it

 

 

Il desktop di Puppi Crockroach.

 

Avvio di OpenELEC su Raspberry Pi.

 

L’interfaccia di XBMC su Raspbmc.



Raspberry Pi e Linux, le migliori distribuzioni Linux (2 pagine):
http://www.html.it

 

 

 

 

Mikilinux è una distribuzione di Linux basata su RaspEX creata appositamente per rendere il vostro Raspberry Pi 2 una vera e propria stazione di download:
http://www.raspberryitaly.com

Il sito dedicato a Mikilinux:
http://mikilinuxpi.altervista.org

 

 

 

 

 

 

Microchip.jpg