Su un sito estero e' apparso un ottimo articolo su come realizzare un Commodore 64 (molto diffuso negli anni ottanta) usando Raspberry PI. La semplicita' delle risorse utilizzate, il loro basso costo ed il ricorso a software gratuito vi permettono di tornare ad usare un sacco di videogiochi arcade, oppure altre risorse originali di decenni addietro. Ecco le istruzioni, trasformate dapprima con Google Traduttore e poi adattate alla grammatica italiana.



Salve amici. Come grande fan del marchio Commodore e di tutte le sue attrezzature, sono sempre alla ricerca di nuovi progetti e idee da implementarvi. Questa volta vi porto un mini progetto, il recupero di un vecchio C64 utilizzando un Raspberry Pi 2.

 

 

Materiali necessari:
1) Un C64 con danneggiato o anche senza scheda madre (ne ho comprato uno su Ebay per 12 €, senza scheda madre).
2) Un Raspberry Pi.
3) Un HDMI maschio-femmina a cavo corto (da 4 € su Ebay).
4 Un connettore di rete RJ45 ed un cavo RJ45, da direttamente per collegare al connettore RJ45.
5) Una scheda SD (ne avevo una da 32 gb riutilizzata, ma con 8 gb e' più che sufficiente).
6) Keyrah Converter: converte i segnali tastiera C64 e li trasforma per USB, è disponibile su Segundamano per 15 € , e' stato usato per il mio progetto per convertire un C128 in un pc .
7) Una distribuzione Linux per Raspberry PI. Ho personalizzato per il mio progetto una distribuzione chiamata DietPi , che si basa su Linux Raspbian, su cui ho installato l'emulatore Vice . Poi ho personalizzato il sistema operativo rimuovendo il famoso simbolo del lampone, mettendo invece un logo per questo progetto. E' la schermata iniziale che vedete qui sopra. Se qualcuno è interessato mi mandi un tweet presso @edu_arana e la faccio scaricare.

 


Video dimostrativo.

 

Processo di costruzione.
Qui si trova il metodo (passo per passo) su come installare il Raspberry Pi 2 all'interno dell'alloggiamento del C64. Spero che questo articolo vi sia piaciuto. Saluti.

Fonte estera: http://arananet-net.kinja.com

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

 

Cosa capita se dopo aver acquistato su internet un vecchio Commodore 64 scoprite che è inutilizzabile, avendone i chip e circuiti interni rovinati? Semplice, con un pò di fantasia potete far rivivere il Commodore 64, usando il Rasberry Pi, Linux e l’emulatore Vice.

 

 

Rasberry Pi è il piccolo PC completo a basso costo, delle dimensioni di una carta di credito, che utilizza una schedina SD per leggere il sistema operativo (basato su Linux) per far funzionare tutto il dispositivo. 

 

 

L’autore del progetto Vic 314 ha svuotato il case del Commodore 64 di quello che non serviva e ne ha poi inserito il Rasberry PI, in modo da poter sfruttare quello che del Commodore 64 rimaneva (tastiera e joystick). Sfruttando anche le porte USB, il Vic 314 può essere usato anche con una tastiera normale da PC.

 

 

 

L’emulatore del Commodore Vice viene utilizzato in modalità schermo intero e la possibilità di poter usare il joystick originale senza problemi rende l’esperienza videoludica pressochè perfetta.

 

 

Il nome, VIC 314, deriva dal fatto che il VIC era il componente grafico usato dal Commodore, per cui l’autore ne ha messo la numerazione 3.14, ovvero lo sviluppo decimale di Pi-greco (come il nome del Rasberry).

 

 

L’approfondimento può essere letto in inglese sul sito originale , da cui sono state prese le immagini qui proposte.

Fonte: http://eeepc901.altervista.org

 

 

Orange_Pi_2G-IoT.jpg