Sono passati 60 anni dalla morte improvvisa di Aleksandr Korotkov, ma i nomi di alcuni dei suoi agenti non sono ancora stati desecretati. Per i suoi grandi servizi nel garantire la sicurezza dello Stato, il Maggior-Generale Korotkov ricevette l’Ordine di Lenin, sei (!) Ordini della Bandiera Rossa, l’Ordine della Guerra Patriottica di 1° grado, due Ordini della Stella Rossa, ecc. Sasha Korotkov, un moscovita diciottenne allampanato, apprendista elettricista, orfano di padre, nel 1927 padroneggiava il tennis “borghese”. I suoi sparring partner sui campi della Dinamo provenivano dalla Cheka. E nell’autunno 1928, l’assistente del vicepresidente dell’OGPU, Venjamin Gerson, gli offrì un lavoro alla Lubjanka. Per cominciare, era elettricista degli ascensori nel reparto commerciale. Meno di un anno dopo, Aleksandr aveva già lavorato nel leggendario Dipartimento degli Esteri. Si seppe che oltre all’eccellente allenamento fisico, aveva anche la capacità nel parlare. Korotkov iniziò a prepararsi al lavoro illegale all’estero.

Un cadavere in valigia.
Nel 1933, “Long” (il primo pseudonimo operativo di Korotkov) era già illegale a Parigi. Secondo la leggenda, era il ceco Karl Roshetsky dall’Austria, venuto a studiare alla Sorbona. Lì tentò con successo di reclutare ufficiali francesi. Ma un giorno fu quasi catturato, quindi l’agente su salvato a Mosca. Tuttavia, già nel 1936, lavorava sotto copertura diplomatica presso la missione commerciale dell’URSS in Germania. Lì “Dlinny” ottenne preziose informazioni sulle nuove tecnologie militari tedesche. In particolare, informazioni su gomma artificiale, benzina sintetica, radar. Nel 1937 si ritrovò di nuovo in Francia. Tutte le sfumature del lavoro di Korotkov durante questo periodo non sono state ancora rivelate. Si sa solo che lo scout era nel gruppo impegnato nella ricerca e nell’eliminazione di traditori e nemici dell’URSS. Uno degli obiettivi dei liquidatori era Georgij Agabekov, ex-dipendente dell’NKVD e residente dell’INO OGPU in Iran. Fuggì in Belgio nel 1930, quindi si trasferì in Francia, dove pubblicò un libro in cui trasmise il collegamento iraniano all’intelligence sovietica. Dopo le rivelazioni di Agabekov, iniziarono arresti ed esecuzioni. Fu liquidato a Parigi, attirato in un rifugio. “Un militante, ex-ufficiale dell’esercito turco e un clandestino, Korotkov, lo stavano aspettando”, disse Theodor Gladkov nel suo libro sul “re dei clandestini”… Il turco uccise Agabekov con un coltello, dopo di che il corpo fu infilato in una valigia gettata nel fiume. Il cadavere non fu mai ritrovato”. Alla fine degli anni ’30, Korotkov fu nominato vicecapo del 1.mo Dipartimento dell’intelligence estera. Il suo nuovo pseudonimo era “Stepanov”. Alla fine di agosto 1940, per ordine di Berija, si recò a Berlino. Il compito era ripristinare i contatti con la stazione, che fu messa fuori servizio nel 1936-1938. Copertura legale, 3° segretario della missione plenipotenziaria dell’URSS in Germania.

Dall'”amica” via radio.
Korotkov riuscì a trovare un consigliere del governo presso il Ministero dell’Economia del Reich Arvid Harnak (“Corso”) e sua moglie Mildred (“Giapponese”). Contattò anche un alto ufficiale del dipartimento di ricognizione della Luftwaffe, Harro Schulze-Boysen (“Sottoufficiale”). Queste persone ricoprivano ancora posizioni importanti ed erano ben informate. “Stepanov” rimase sorpreso nell’apprendere che c’erano più di 60 persone nel gruppo clandestino di Harnak e Schulze-Boysen. Questa spina dorsale berlinese della Cappella Rossa fu distrutta un anno dopo l’inizio della guerra. Ma ebbe il tempo di trasmettere molte informazioni preziose. Ad esempio, grazie a “sottufficiale” Korotkov apprese che l’addetto aeronautico statunitense che lavorava a Mosca era una spia di Hitler. Separatamente, vale la pena parlare dell’agente “Breitenbach”, SS Hauptsturmfuehrer della Gestapo Willy Lehman, considerato il prototipo principale di Stirlitz. Korotkov era l’unico degli ufficiali dell’intelligence sovietica che lo conosceva di persona: gli altri furono fucilati o repressi. Da Lehman, Korotkov apprese i dettagli della riorganizzazione segreta dei servizi speciali nazisti. L’esploratore immediatamente corresse e assicurò al massimo le attività dei suoi subordinati. Nella seconda metà di giugno 1941 “Corso” e il suo gruppo iniziarono ad inviare cifrari radio, codici, denaro con posta diplomatica. Ma Korotkov non ebbe il tempo di trasmetterli. La notte del 22 giugno, l’edificio dell’ambasciata sovietica a Berlino fu circondata dalle SS. L’unico diplomatico a cui fu permesso di uscire, e quindi di andare solo nel ministero degli Esteri tedesco, accompagnato dal capo dell’ufficiale di sicurezza dell’ambasciata, l’ufficiale delle SS Heinemann, era Valentin Berezhkov. Trattò con Heinemann per mille marchi. L’ufficiale delle SS per due volte, il 22 e il 24 giugno, portò “Stepanov” in città. Presumibilmente, dovette dire addio urgentemente all’amante tedesca prima di essere esiliato nell’Unione. Il tedesco lasciò l’esploratore vicino la metropolitana e due ore dopo lo raccolse in un altro posto. Korotkov trasmise a “Corso” e al “sotttufficiale” tutto ciò che il Centro aveva inviato.

Alle spalle di Keitel.
Il treno coi diplomatici sovietici internati arrivò a Mosca nel luglio 1941. Korotkov divenne il capo del Dipartimento dell’Intelligence Estero tedesco, responsabile dell’invio di esploratori in Germania. Non solo partecipò alla creazione di una scuola speciale per la formazione di agenti, ma anche insegnò ai futuri agenti clandestini. Nel novembre-dicembre 1943, il Colonnello Korotkov, nella delegazione sovietica, fu a Teheran, dove ebbe luogo la riunione di Stalin, Roosevelt e Churchill. Lì riuscì a inviare diversi agenti attraverso la Bulgaria in Germania. Uno di loro lavorò presso l’impianto del creatore del caccia a reazione Me.262, il progettista di aerei Willie Messerschmitt. Il secondo entrò nell’impresa del creatore dei missili tedeschi Wernher von Braun. Ma ricevette il compito più importante nella primavera 1945. Korotkov fu convocato da Ivan Serov, Vicecommissario del Popolo per la Sicurezza dello Stato, e gli ordinò di guidare il gruppo per garantire la sicurezza della delegazione tedesca diretta a Karlshorst per firmare l’atto di resa incondizionata della Germania. “Se il suo capo, il feldmaresciallo Keitel, da i numeri o si rifiuta di firmare, tu risponderai con la tua testa. Durante i contatti con lui, cerca di sentirne gli stati d’animo e non perdere le informazioni importanti che potrebbe rilasciare”, ammonì Serov. Nella famosa fotografia che cattura il momento della firma dell’Atto di resa incondizionata della Germania, Korotkov è alle spalle di Keitel.

Sospettosamente improvviso
Nel marzo 1946, Korotkov fu richiamato dal Centro, dove divenne Vicecapo dell’Intelligence Estera e allo stesso tempo ne guidò l’amministrazione illegale. Era direttamente collegato alla direzione dell’immigrato illegale William Fische, meglio conosciuto come Rudolph Abel, negli Stati Uniti. A proposito, Korotkov era contrario a mandare coll’operatore radio Renault Heikhanen, che alla fine consegnò Abel ai nordamericani. L’istinto operativo del “re dei clandestini” era leggendario. E lui stesso lavorò sulle leggende: preparò personalmente Konon Molodj in partenza, e le attività dei coniugi Coen. In seguito diresse l’apparato del KGB di Berlino. E il 27 giugno 1961, il cinquantenne Aleksandr Korotkov, che non era malato, morì improvvisamente. In circoli ristretti poi discussero quanto fosse sospetto. “Al mattino, Aleksandr Mikhailovich fu ricevuto dal presidente del KGB Shelepin. Era insoddisfatto di Korotkov e ne annunciò il richiamo da Berlino, ricordò il veterano delSVR, Colonnello Ivan Kuzmin. Lasciando l’ufficio, Korotkov chiamò un’auto e si diresse all’appartamento di Krusciov, dove fu ricevuto da Nina Petrovna. Da lì chiamò Walter Ulbricht al telefono e chiese la sua intercessione. Ulbricht contattò immediatamente Krusciov e chiese di lasciare Korotkov lavorare a Berlino. Krusciov accettò e diede istruzioni appropriate a Shelepin”. Korotkov tornò a casa, disse alla moglie di preparargli i bagagli e la sera si incontrò sul campo da tennis con l’ex-capo del KGB Serov. Dopo pochi minuti di gioco perse conoscenza. La diagnosi ufficiale fu rottura aortica. Erich Milke, che creò la Stasi, prese la morte di Korotkov come un colpo personale. Lui e i suoi compagni dell’MGB della DDR parteciparono al funerale, a differenza di Shelepin. Durante ogni visita a Mosca, Milke veniva coi fiori al cimitero Novodevichij sulla tomba di Korotkov.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Fonte estera: https://aif.ru

Fonte italiana: http://aurorasito.altervista.org

 

 

Microchip.jpg