Sembra che alcune delle stelle sopra di noi non siano stelle. Un giovane, John Lenard Walson, ha scoperto un modo per aumentare le prestazioni di piccoli telescopi ed è stato in grado di ottenere risoluzioni ottiche, quasi ai limiti della diffrazione, non facilmente ottenibili. Con questo sistema ha girato immagini sia notturne sia diurne molto singolari e di sinora mai visti oggetti in orbita. Il filmato realizzato da Lenard mostra moltissimi satelliti, navi spaziali, strutture che altrimenti appaiono come astri. In realtà, esistono centinaia di satelliti in orbita attorno alla Terra. Che cosa sono questi ordigni ripresi da Lenard?

 

 

 

 

Bisogna, in primo luogo, ricordare che esistono più di 800 satelliti attivi in orbita attorno al nostro pianeta. Sorprendentemente essi rappresentano solo il 4 per cento del numero totale di oggetti catalogati dalla rete di sorveglianza spaziale degli Stati Uniti. Il resto include satelliti abbandonati, propulsori di razzi già lanciati ed altri rottami spaziali. I satelliti civili impiegati per compiti commerciali, scientifici e governativi sono la maggior parte. I satelliti russi adempiono funzioni civili e militari. Solo una piccola parte dei satelliti di altri paesi è costituita da apparecchiature militari, almeno ufficialmente. I detriti spaziali appartengono ad oggetti ormai inservibili che comprendono satelliti abbandonati, attrezzature scartate, rottami risultato di esplosioni o collisioni. Dunque che cosa ha immortalato Lenard? Satelliti e spazzatura cosmica oppure, per la prima volta, un'enorme ed avveniristica nave spaziale che non pensavano mai di poter vedere? Nei suoi video, alcuni fotogrammi evidenziano una nave spaziale illuminata dal sole; un altro fotogramma mostra un oggetto velocissimo.

 

 

Lenard ha ricevuto un messaggio il cui autore si è espresso in questo modo: "Le mie congratulazioni per la tua superba astrofotografia: il Lincoln laboratory del M.I.T. è l'equipe che ha costruito alcuni di questi oggetti che hai immortalato. Molti sono usati all'interno del programma Guerre stellari." Forse alcune delle immagini di Lenard riguardano progetti militari segreti: forse concernono piattaforme spaziali ed armi che si dice l'esercito statunitense abbia collocato già venti anni fa. Non dimentichiamo che il giovane britannico Gary Mc Kinnon che, alcuni anni addietro, violò gli archivi informatici del Pentagono, trovò un documento segreto denominato "Funzionari non terrestri".

 

 

Qualcosa di poco piacevole sta accadendo a Lenard Walson. E' evidente che Lenard si è avventurato in un territorio che alcune agenzie governative ed i militari non vogliono sia conosciuto. Il risultato dell'impertinente attività di Lenard Walson è l'inizio di regolari visite per opera di elicotteri privi di contrassegni. I velivoli hanno enormi rotori doppi. Il messaggio intimidatorio è chiaro. Lenard ha anche scoperto come udire e registrare i suoni delle astronavi da lui riprese. Allineando con precisione un ricevitore satellitare con il telescopio, egli è stato in grado di registrare alcuni suoni inusuali e conturbanti di navi galattiche. Infine ciò che Lenard ha rilevato è un insieme di astronavi in orbita attorno alla Terra. E' indubbio che i governi sono molto più interessati allo spazio di quanto siano disposti ad ammettere. Ne sono testimonianza le recenti allusioni ad armi anti-satellite di cui si vogliono dotare alcuni paesi per "proteggersi" da eventuali attacchi. La Cina ha ventilato di discutere un suo piano anti-satellite ed ha anche minacciato di distruggere o disabilitare i satelliti G.P.S. che sorvolano il territorio cinese. Qualcuno immagina quanti miliardi di dollari il governo statunitense ha speso in operazioni segrete, in programmi per lo spionaggio e la sorveglianza, per armamenti spaziali negli ultimi decenni? Lenard ha probabilmente filmato alcune di queste armi spaziali, ma è pure possibile che certi ordigni siano non terrestri. Naturalmente le persone che potrebbero sapere tacciono.

Fonte: http://zret.blogspot.com


Per vedere Il canale su Youtube di John Lenard Walson: premere qui

 


 

Computer_vecchi.jpg