I legami tra Russia e Vietnam, che sembravano raffreddarsi dopo la fine della guerra fredda, sono in fase di rinsaldamento. 20 anni dopo che Mosca aveva abbandonato la maggiore base all’estero, aerei militari russi ritornano a visitare Cam Ranh Bay.

 

 

La rinnovata presenza russa in Vietnam ha prevedibilmente fatto suonare i campanelli d’allarme del Pentagono, con il comandante dell’esercito degli Stati Uniti nel Pacifico che conferma che i bombardieri strategici russi che volano attorno la massiccia base militare statunitense di Guam vengono riforniti a Cam Ranh Bay. L’11 marzo Washington scrisse a Hanoi chiedendo che le autorità vietnamite non supportassero i voli dei bombardieri russi nella regione Asia-Pacifico. La reazione vietnamita fu rimanere pubblicamente in silenzio. Secondo Nguyen Phuong del "Center for Strategic & International Studies" di Washington, “Dal punto di vista di molti funzionari vietnamiti che combatterono contro gli Stati Uniti, Mosca ha addestrato generazioni di leader vietnamiti e sostenuto Hanoi durante i decenni d’isolamento internazionale“. Nguyen aggiunge: “Poche cose sono più vitali per il Vietnam della politica estera indipendente. Data la complessa storia del Vietnam, i suoi leader non vogliono che il Paese sia ancora preda delle maggiori potenze. Tutto ciò che ricorda l’interferenza nei rapporti del Vietnam con la Russia potrebbe aggravare inutilmente tale paura“. Anche se i vietnamiti considerano gli Stati Uniti partner sempre più importanti nel sud-est asiatico, la Russia è in cima alla gerarchia. Con un accordo siglato nel novembre 2014, le navi da guerra russe che visitano il porto di Cam Ranh devono solo preavvertire le autorità vietnamite prima di arrivare, mentre tutte le altre marine militari straniere devono limitarsi a una sola visita all’anno nei porti vietnamiti.



Perché il Vietnam è importante.
Situato alle porte degli oceani Indiano e Pacifico, il Vietnam è d’importanza cruciale per la Russia. Basandovi permanentemente aerei e navi, il Vietnam aiuta la Flotta del Pacifico russa a risolvere il problema di dover attraversare gli stretti del Mar del Giappone per accedere al Pacifico. A dire il vero, l’attuale presenza russa è minima rispetto agli anni ’80 quando la flotta di Mosca comprendeva ben 826 navi, di cui 133 sottomarini, 190 bombardieri navali e 150 aerei antisom. Sempre allora, la potenza di Mosca non era offensiva. Secondo Alvin H. Bernstein dell’US Naval War College era “improbabile che abbia uno specifico intento regionale aggressivo dato che sarebbe del tutto fuori dal carattere della potenza” che si era rivelata “prudente e non conflittuale”. Tre decenni dopo, la Mosca del Presidente Vladimir Putin ancora una volta cerca di rafforzare il proprio ruolo di potenza asiatica e globale, e come nota Bernstein, vuole essere “pronta ad ogni rischio ed opportunità“. Rientra anche nella politica del Look East del Vietnam. In effetti, molto prima che il presidente statunitense Barack Obama annunciasse il perno in Asia, la Russia già faceva perno a Oriente, con incursioni nei Paesi una volta filo-USA come Indonesia e Malesia. Tuttavia è il Vietnam dove la diplomazia russa prevale. Ma prima un rapido flashback. Il Vietnam è un piccolo Paese con una potenza militare molto più grande del suo peso. Per coloro dalla memoria corta, il Paese del sud-est asiatico ha inflitto sonore sconfitte a Francia e Stati Uniti in guerre continuate. Le coraggiose e stupende tattiche di battaglia intelligenti e spirito indomito furono decisivi per vincere quelle guerre, ma un fattore chiave è che i vietnamiti avevano amici potenti. Durante la guerra del Vietnam, la Russia ebbe un ruolo fondamentale nella difesa del Vietnam, fornendo quantità enormi di armamenti. Nel corso di 21 anni di guerra l’assistenza russa valse 2 milioni di dollari al giorno. In cambio, il Vietnam offrì alla Russia l’uso gratuito della base di Cam Ranh Bay. Nell’ambito dell’accordo, i russi vi stanziarono caccia MiG-23, aviocisterne Tu-16, bombardieri a lungo raggio Tu-95 e aerei da ricognizione marittima Tu-142. Cam Ranh fu la maggiore base navale per la proiezione di Mosca al di fuori dell’Europa. Circa 20 navi erano ormeggiate nella base, insieme a sei sottomarini d’attacco nucleare. La base svolse un ruolo fondamentale nell’aiutare la Russia ad affrontare, durante la guerra fredda, le forze statunitensi in Asia e nel Pacifico. Ad esempio, quando la Settima Flotta degli Stati Uniti navigò verso il Golfo del Bengala per minacciare l’India durante la Guerra con il Pakistan 1971, la Flotta del Pacifico russa poté inviare rapidamente sottomarini e navi da guerra dotati di armi nucleari a difesa dell’India. Nonostante l’importanza geopolitica di Cam Ranh Bay per Mosca e il suo valore come posto di raccolta delle informazioni, la presenza russa praticamente evaporò dopo la disintegrazione dell’Unione Sovietica. Basi militari come quella di Cam Ranh Bay costavano un’enormità e la Russia non aveva più denaro da sprecare. Nel 2001 anche la stazione di ascolto fu abbandonata.

 

 

La Cina incastrata.
Anche se la presenza militare russa è diminuita, legami forti continuato a legare Russia e Vietnam. Nel contesto dell’aspro battibecco del Vietnam con la Cina per il controllo delle isole Spratly, ricche di petrolio, Hanoi ha ricercato materiale militare avanzato. La leggendaria aeronautica del Vietnam ha acquisito 24 caccia Su-30 dalla Russia, ed entro la fine del 2015 avrà 36 Sukhoj, diventando il terzo operatore di questo avanzato aereo supermaneggevole. Tuttavia, è la Marina militare popolare del Vietnam (VPAN) che va rafforzandosi davvero. Nel 2009 il Vietnam ha firmato un accordo da 3,2 miliardi di dollari con la Russia per sei sottomarini classe Kilo e la costruzione di una base per sottomarini a Cam Ranh Bay. Un’altra grande acquisizione sono i 50 missili da crociera supersonici Klub per i Kilo, facendo del Vietnam la prima nazione del Sudest asiatico ad armare la flotta di sottomarini con un missile d’attacco controcosta. Pesando due tonnellate, il Klub ha una testata di 200kg. La versione antinave ha una gittata di 300 km, ma vola a 3.000 km all’ora nell’ultimo minuto di volo. Secondo Strategypage, “la versione d’attacco controcosta non ha la funzione di avvicinamento finale ad alta velocità rendendo possibile una testata di 400kg. Ciò che rende il Klub particolarmente pericoloso, quando attacca le navi, è che durante il suo avvicinamento finale, quando il missile si trova a circa 15 km dal bersaglio, il missile accelera“, riferisce Strategypage. “Fino a questo punto, il missile viaggia ad una quota di circa 30 metri. Questo lo rende difficile da rilevare. Tale approccio finale ad alta velocità significa che copre gli ultimi 15 km in meno di 20 secondi. Ciò rende più difficile alle attuali armi antimissile abbatterlo“. I sottomarini costruiti dai russi e armati con i potenti Klub svolgono un ruolo fondamentale in qualsiasi conflitto nel Mar Cinese Meridionale. Secondo un analista, i missili da crociera controcosta segnano un “massiccio spostamento” a favore della potenza navale del Vietnam. “Dandogli un deterrente molto più potente complica i calcoli strategici della Cina“. Si ritiene che le navi da guerra cinesi non abbiano alcuna difesa efficace contro i missili Klub, motivo per cui si arrabbiarono per la vendita della Russia al Vietnam. Mentre i Kilo sono in costruzione, Russia e India addestrando gli ufficiali vietnamiti che opereranno sui sottomarini.



Ulteriore potenza di fuoco russa.
Inoltre, nel 2011 la VPAN ha acquisito dalla Russia due fregate furtive lanciamissili classe Gepard per 300 milioni di dollari, e la flotta di Gepard è destinata ad aumentare a sei entro il 2017. Queste navi versatili sono attrezzate per attacchi di superficie, guerra antisom e difesa aerea. Altre acquisizioni della VPAN includono quattro pattugliatori veloci classe Svetljak dotati di missili antinave; 12 fregate e corvette di origine russa, e due navi lanciamissili d’attacco veloce classe Molnija costruite con l’aiuto della Russia, con altre quattro previste per il 2016. Il Vietnam ha anche acquisito radar avanzati; 40 missili antinave Jakhont e 400 Kh-35 Uran; missili da crociera antinave Kh-59MK; missili aria-aria a corto raggio R-73 (AA-11 Archer); 200 missili superficie-aria SA-19 Grison; due batterie dei leggendari sistemi superficie-aria S-300; localizzatori radiofonici passivi VERA e due batterie di missili da difesa costiera K-300P Bastion.

 

 

Aspetto economico.
Secondo un documento degli accademici portoghesi Phuc Thi Tran, Alena Visotskaja G. Vieira e Laura C. Ferreira-Pereira, “L’acquisizione di capacità militari è cruciale non solo per la difesa e i calcoli strategici, ma anche per l’importante funzione che svolgono nella tutela degli interessi economici e nella sicurezza delle esplorazioni petrolifere nel Mar Cinese Meridionale. Quest’ultimo aspetto è particolarmente critico dato il ruolo che la Russia vi gioca. Infatti, la parte del leone di tali progetti di sfruttamento intrapresi dal Vietnam è in collaborazione con la Russia“. Mentre la difesa è sempre più seguita nei media, è l’energia il singolo maggiore aspetto della cooperazione tra Mosca e Hanoi. La joint venture tra Russia e Vietnam Vietsovpetro ha generato notevoli dividendi per entrambi i Paesi. L’azienda ha prodotto 185 milioni di tonnellate di petrolio greggio e 21 miliardi di metri cubi di gas dai giacimenti nel Mar Cinese Meridionale. Quasi l’80 per cento del petrolio e del gas vietnamiti proviene da Vietsovpetro, e il reddito corrisponde a circa il 25 per cento del PIL. La Russia ha anche fatto notevoli investimenti su industrie, trasporti, poste, colture e pesca del Vietnam. Questi progetti ne hanno generati altri, per l’impressionante profitto generato dalla cooperazione russa, con una sfilza di altre aziende come Mobil, BP e TOTAL che ampliano gli investimenti in Vietnam. La copertura strategica del Vietnam verso la Russia è strettamente legata alla cooperazione economica nell’esplorazione petrolifera, comportando significativi benefici economici ad entrambe le parti. I forti legami della difesa tra i due Paesi hanno permesso al Vietnam di acquisire moderni equipaggiamenti militari, fornendogli anche avanzate capacità di esplorazione congiunta di petrolio e gas nonostante la crescente opposizione cinese a questi progetti. Allo stesso tempo, la Russia torna a reclamare la sua eredità di grande potenza. Si Offre a Mosca una miriade di opportunità per garantirsi influenza politica ed economica verso varie potenze emergenti, nel cuore della regione più dinamica del pianeta. Ma il Vietnam non è un’eccezione, ma una conferma della regola prevalente in Asia. Come il professore Anis Bajrektarevic dichiara nel suo lavoro eccelso ‘No Asian Century‘: “Ciò che risulta evidente, quasi a prima vista, è l’assenza di qualsiasi struttura multilaterale di sicurezza pan-asiatica. Le prevalenti strutture di sicurezza sono bilaterali e per lo più asimmetriche. Dai trattati di sicurezza e non aggressione chiaramente definiti e duraturi ad accordi meno formali, fino ad accordi di cooperazione ad hoc su temi specifici. La presenza di accordi internazionali multilaterali è limitata a pochissimi punti nel maggiore continente e anche in questo caso sono raramente incaricati della questione (politico-militare) della sicurezza dai loro scopi dichiarati. Un’altra caratteristica sorprendente è che la maggior parte delle strutture bilaterali esistenti vede uno Stato asiatico da un lato, e due Paesi periferici o esterni dall’altro, rendendoli quasi per definizione asimmetriche“.



Rakesh Krishnan Simha, Global Research del 15 giugno 2015

Rakesh Krishnan Simha è giornalista ed analista degli affari esteri della Nuova Zelanda. Rakesh ha iniziato la carriera nel 1995 con la rivista World Business di Nuova Delhi, e poi ha lavorato con varie media importanti come India Today, Hindustan Times, Business Standard e Financial Express, dove è stato redattore dei notiziari.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Fonte: https://aurorasito.wordpress.com

 


 

Computer_vecchi.jpg