Alcuni utilizzatori di Linux segnalano problemi ad utilizzare Java, oppure il suo equivalente open source chiamato OpenJDK, dentro il programma con cui navigano su Internet (Mozilla Firefox, Chrome/Chromium, Opera, ecc. ecc.) ignari che esiste gia' la soluzione. Quasi sempre infatti questi problemi si risolvono installando Icedtea Plugin.

 

 

Nella famiglia Ubuntu per esempio basta cercare ed installare il pacchetto icedtea-plugin , nell'immagine qui sopra lo vedete dentro Ubuntu Software Center, in quella sotto e' facile da trovare avviando Synaptic. Dovete sapere che icedtea-plugin non e' un semplice software, ma un meta-pacchetto che richiama automaticamente l'installazione dei programmi necessari alla vostra situazione attuale nel sistema operativo. Praticamente un comodo auto-adattamento.

 

 

Il comando per installare dentro ad un terminale questo meta-pacchetto e':

sudo apt-get install icedtea-plugin

per poi premere il tasto Invio (Enter) sulla tastiera, ed avviare cosi' l'operazione. Anche per gli altri sistemi Linux ci sono procedure similari.

 

 

Una volta che avete installato correttamente Icedtea andate con il vostro browser in un servizio online che richiede l'uso di Java o di OpenJDK, come per esempio alcune chat. Se lo richiedesse premete l'eventuale link che dicesse qualcosa tipo "Attiva Icedtea-Web", quindi nella finestrella che si attiverebbe confermate la vostra scelta. Se avete fatto tutto correttamente vi apparira' l'icona del plugin in azione. Avvertenza: nell'esempio che e' stato linkato sopra vi potrebbe apparire un errore con la richiesta di inserire un'eccezione, ignorate il tutto e chiudete la pagina web, l'importante e' che si attivi Icedtea.

 

 

A seconda dei diversi sistemi Java, oppure OpenJDK, che usate nel vostro Linux vi appariranno diverse finestre per autorizzare l'uso del componente.

 

 

Se c'e' la possibilita' di automatizzare le autorizzazioni, come nell'esempio indicato dalla freccia qui sotto, usatele per evitare di dover sempre ri-confermare di voler utilizzare il sistema Java oppure OpenJDK.

 

Articolo del Webmaster del portale Ogigia.

 

 

Raspberry_PI.jpg