Secondo il centro americano di ricerca "Progetto 2049", la Cina è ad oggi il costruttore di missili da crociera "più precisi" capaci di colpire obiettivi in molti Paesi del Pacific Rim, incluso il Giappone. Difatti, il solo numero di missili con base a terra CJ-10 riesce a raggiungere le 500 unità. Se queste stime sono corrette, i missili da crociera cinesi diventano uno dei fattori chiave d’influenza della situazione militare nella regione.

 

 

È difficile intercettare questi missili a causa della imprevedibilità della loro traiettoria. In un attacco simultaneo di molte decine o addirittura centinaia di missili da crociera solo una piccola parte di loro sarà colpita dalle difese antiaeree. E la distruzione d’infrastrutture che causano, è potenzialmente enorme.

I Paesi vicini alla Cina dotati di armi nucleari ora devono considerare che, con i suoi missili da crociera, essa è in grado di colpire in modo preciso. Per l'India si rende necessario dislocare i suoi piccoli missili balistici nel sud del subcontinente indiano, aumentando la loro portata e al tempo stesso incrementando gli investimenti nelle forze strategiche nucleari navali. E entrambe le soluzioni sono costose. Possiamo supporre che se il Giappone deciderà, prima o poi, di avere le proprie armi nucleari, i cinesi avranno un efficace pretesto per un attacco preventivo non nucleare .

Vettori importanti dei missili da crociera diventano i cacciatorpedinieri della serie 052D in costruzione, che possono disporre di missili da crociera con diverse tipologie: contraeree, antisommergibili, antinave. È probabile anche un loro impiego nei sottomarini. In generale, la Cina arriva al secondo posto, dopo gli Stati Uniti, nello schieramento, per quantità e diversità di vettori su cui sono impiegati, di missili da crociera. Mentre le forze americane sono distribuite in tutto il mondo, i missili da crociera cinesi sono ora tutti in Cina, sotto un’unica gestione.

L’argomento più importante è legato alla capacità, che questi missili cinesi da crociera hanno, di trasportare armi nucleari strategiche. Potenzialmente la possibilità esiste. La costruzione di missili da crociera cinesi si basa su quelli sovietici Kh-55, alcuni dei quali sono stati acquistati dai cinesi nei primi anni 2000 dall’Ucraina. Ebbene l’Kh-55 è in grado di trasportare armi nucleari.

Diversi sono gli studi cinesi sui missili CJ-10 considerati come potenziali vettori di tali armi, ma l'evidenza di una vera e propria installazione di testate nucleari su questi missili non esiste ancora. Del resto non sarebbe passata inosservata dalla ricognizione spaziale degli Stati Uniti. Possiamo supporre che tale cambiamento accadrà in futuro durante schieramento dei nuovi modelli di missili da crociera che hanno una portata più ampia e una bassa visibilità ai radar e dopo la consegna all'Aeronautica militare cinese dei nuovi caccia con autonomia di volo aumentata e capacità di rifornimento in aria.

In questo caso il predominio militare della Cina nella regione, che del resto sta già cominciando a manifestarsi progressivamente, sarà innegabile e la rivalità militare degli altri Paesi della regione contro la Cina sarà inutile.

Fonte: http://italian.ruvr.ru

 


 

Odroid_XU4.jpg