Ipocausto: i pavimenti riscaldati.


In epoca romana non venivano utilizzati i camini per riscaldare gli ambienti come accadde nelle epoche successive, bensì venne adottata un’invenzione greca chiamata ipocausto che potrebbe far invidia anche ai migliori metodi di riscaldamento odierni.




uploaded_image





uploaded_image





uploaded_image




Si tratta di una sorta di riscaldamento a pavimento, che veniva creato lasciando uno spazio vuoto al di sotto degli edifici ed all’interno del quale passava dell’aria calda, che veniva creata da un forno apposito. L’ipocausto è un sistema che fu brevettato dai Greci, infatti il primo esempio documentato si può ubicare all’interno delle terme di Cladeo ad Olimpia. Dopodiché i Romani lo adottarono, e lo divulgarono a tal punto che divenne un accessorio standard all’interno delle ville e delle terme di gran parte d’Europa, che rimase in uso fino al Medioevo.

Fonte: https://www.lastella.blog




uploaded_image

Un ipocausto presente sotto a dei bagni pubblici in Inghilterra.




uploaded_image

Un ipocausto ritrovato sotto ad una villa romana in Francia.




uploaded_image

Un ipocausto ritrovato sotto al mosaico di una villa romana in Spagna.




uploaded_image

I mattoni cavi con cui venivano realizzati gli ipocausti si chiamavano tubuli.




uploaded_image

Tubuli nelle pareti delle terme di Ostia antica.




Articolo tratto da: Ogigia - http://ogigia.altervista.org/Sito/
URL di riferimento: http://ogigia.altervista.org/Sito/index.php?mod=read&id=1493970810