Si sta' realizzando un clone open source del sistema operativo Windows, ovviamente gratuito ed aperto a tutte quelle innovazioni informatiche che Microsoft sembra non voler implementare ma che troviamo in Linux o Mac. Il nuovo ReactOS vuole arrivare a poter utilizzare il 100% dei programmi che oggi installiamo su Windows.

 

 

Ecco come ReactOS e' presentato nel suo stesso sito web presso http://www.reactos.org :
ReactOS® è un sistema operativo libero e moderno basato sul design di Windows® XP/2003. Scritto completamente da capo, cerca di seguire l'architettura Windows-NT® disegnata da Microsoft dal livello hardware al livello software. Questo non è un sistema basato su Linux, e non condivide niente dell'architettura Unix. L'obiettivo principale del progetto ReactOS è fornire un sistema operativo il quale sia compatibile a livello binario con Windows. Questo vi permetterà di eseguire le vostre applicazioni e driver Windows allo stesso modo in cui avviene sul vostro sistema Windows. Inoltre, vengono usati il look-and-feel dei sistemi operativi Windows, in modo che gli utenti abituati all'interfaccia Windows® trovino in ReactOS un qualcosa di intuitivo. La meta finale è permettervi di rimuovere Windows® e installare ReactOS senza notare alcun cambiamento. Tenete presente che ReactOS 0.3.11 si trova ancora in fase alpha, il che significa che è ancora incompleto e non è consigliabile l'uso di tutti i giorni.

 

 

Per associazioni, ditte e privati potrebbe presto esserci un'ulteriore alternativa, perche' se e' vero che Windows e' il sistema operativo piu' diffuso e' altrettanto vero che per usarlo occorre pagare una licenza, oppure utilizzarne una versione piratata con tutti i rischi legali connessi. Un clone di Windows, che si usasse in modo molto simile al sistema della Microsoft, non richiederebbe di dover imparare una nuova architettura informatica come succede nel passare a Linux o Mac facendo felici quella moltitudine di utenti pigri o poco elastici con l'informatica. In fondo Windows e' usato principalmente come piattaforma per farci girare programmi ed applicativi aggiuntivi, spesso fatti dalla stessa Microsoft oppure da aziende terze, se ReactOS riuscira' a garantire agli utenti di poter fare da sistema operativo libero e gratuito per chi ha bisogno di installare qualcosa su Windows, ReactOS potrebbe essere usato da centinaia di milioni di persone.

 

 

ReactOS puo' anche diventare un grande aiuto per recuperare i computer vecchi, potendo utilizzare i driver stessi a suo tempo sviluppati per Windows. Ma anche consentirebbe di utilizzare programmi che oggi non sono piu' compatibili con il sistema operativo Microsoft, leggiamo da Wikipedia presso: http://it.wikipedia.org
Nella sua rubrica di Free Software Magazine, David Sugar ha notato che ReactOS potrebbe consentire l'uso di applicazioni di versioni vecchie di Windows la cui API sono state eliminate, come pure la sua capacità di ampliare la base totale installata di software libero nelle case, e come risorsa per gli sviluppatori che desiderano conoscere le API di Windows che vengono documentate nel corso della scrittura di applicazioni portatili. Viktor Alksnis si è anche incontrato con l'attuale coordinatore del progetto Aleksey Bragin, che ha mostrato una presentazione e dimostrazione del progetto, mostrando ReactOS esecuzione con Total Commander e Mozilla Firefox.
Altro che spinta all'obsolescenza del software, con ReactOS non solo potremo usare i software piu' moderni, ma anche riportare indietro le lancette del tempo e riutilizzare vecchi applicativi che sembravano smarriti sulla lunga strada degli standard imposti da Microsoft! Sempre andando incontro al recupero dei computer vecchi, senza trascurare i pc nuovi, i realizzatori del progetto ReactOS scrivono circa le risorse hardware richieste:
In poche parole, ReactOS è progettato per essere potente e leggero. Potete pensare il termine "leggero" come nello stile del buon vecchio Win95, un'interfaccia utente consistente e un piccolo pacchetto di strumenti utili e comuni. In contrasto, ReactOS offre molto di più, un'esperienza aggiornata così come un solido core NT scritto da zero.

 

 

Finalmente potremo avere un sistema operativo che, pur consentendoci di installare tutto il software per Windows, ci permettera' di usare risorse che Microsoft ha evitato, che potremo implementare in eventuali nostre sottoversioni di ReactOS. Gia', perche' come oggi ci sono distribuzioni e sotto-distribuzioni di Linux domani ci potranno essere quelle di ReactOS, che e' open source. Gli amanti dei videogiochi si faranno il loro ReactOS dedicato ed ottimizzato, le aziende anche, e cosi' via per centinaia di migliaia di usi possibili?

 

 

Chi conosce Microsoft si immagina che la cosa non filera' cosi' facilmente, e che l'azienda dara' se possibile battaglia con i metodi che gli sono congegnali. Il team che lavora per realizzare ReactOS sta' per fare un grande favore all'intera umanita', ma corrono dei rischi ad invadere il terreno della pluri-denunciata e pluri-condannata azienda di Bill Gates? Prima che l'iniziale versione stabile di ReactOs sia pronta dobbiamo aspettarci che qualcuno tenti di soffocare il progetto? Su Wikipedia troviamo un riferimento su Wikipedia che e' sottintende l'importanza mondiale ed economica del progetto ReactOS, presso http://it.wikipedia.org :
John C. Dvorak di PC Magazine Columnist ha osservato che l'architettura di Windows NT, è rimasto sostanzialmente lo stessa che abbiamo oggi, il che rende il kernel un candidato ideale per la clonazione, e ritiene che ReactOS potrebbe essere "una minaccia più grande di Linux al dominio di Microsoft", infatti, Aleksey Bragin ha parlato in un commento al settimanale tedesco Der Spiegel che ReactOS è rivolta agli utenti Windows che vogliono rinunciare all' uso di software proprietario commerciale senza dover passare a Linux.
Come possiamo aiutare il team che realizza ReactOS, nel nostro stesso interesse personale e collettivo? Facendo conoscere ReactOS al maggior numero possibile di persone, cosi' da tenere gli sviluppatori sotto i riflettori e disincentivare iniziative impresentabili contro di loro, cosi' avremo domani gratuitamente cio' che oggi siamo costretti ad ottenere pagando oppure rischiando multe salate.
Forza, team di ReactOS!!!

Articolo del Webmaster del portale Ogigia.

 


 

Raspberry_PI.jpg