Da sempre le sorti di qualunque conflitto armato sono nelle mani dell’intelligence, dai tempi dei romani che addestravano soldati specializzati fino ai nostri giorni con i più avanzati strumenti di spionaggio computerizzati.

Raccogliere e selezionare informazioni e indizi delle attività militari del nemico o potenziale nemico fu alla base dei successi militari di Roma; questa attività non si svolse soltanto al di fuori della capitale o nelle province romane, ma si esplicò all’interno della cinta muraria ad opera di tanti uomini al servizio dell’Imperatore di turno, pronti a stroncare sul nascere ogni congiura o progetto di rivolta.

Gli imperatori caduti per mano di rivoltosi e congiuranti probabilmente non hanno organizzato un efficiente servizio di intelligence, oppure questi ultimi si sono venduti al nemico; al fianco di insospettabili uomini recitavano un ruolo importante le donne considerate incapaci di tradire, il loro udito era considerato superiore a quello dei colleghi maschi e la loro opera fu notevole sia in ambito civile che militare.

In origine, fin dai tempi di Adriano, vi furono i frumentarii o mensores tritici, addetti ufficialmente all’approvvigionamento delle legioni, in realtà vennero ad assumere il ruolo di corrieri o meglio di agenti di polizia segreta, proprio per la loro attitudine di viaggiatori dove venivano a contatto con i contadini, i servitori e le truppe, essi erano a conoscenza dei segreti di tutti e quindi considerati particolarmente preziosi per il mantenimento della sicurezza del Senato e dell’Imperatore.

Alcuni frumentarii, secondo le personali attitudini, mutarono il proprio ruolo passivo di ascoltatore in corriere segreto. I più intraprendenti furono armati ed all’occorrenza avevano licenza di passare per le armi i traditori; ciò segna il passaggio da corpo dedito alla raccolta informazioni ad organo giudicante ed esecutivo.

Al fianco dei frumentarii che operavano sotto mentite spoglie vi erano gli exploratores che si muovevano in gruppo aggregandosi alle truppe legionarie e monitorando il territorio nemico, si occupavano in sintesi della sicurezza esterna; per quella interna c’erano anche gli speculatores anche essi operativi in silenzio e con astuzia.

Tutti gli “addetti” all’intelligence operavano a regime in tempo di guerra, ma durante i periodi di pace molti tra loro venivano dirottati ad altri incarichi lasciando il lavoro di informatori a mercanti e diplomatici; il Magister officiorum, l’alto funzionario da cui essi dipendevano, li teneva sotto stretto controllo, data l’importanza strategica del loro sapere.

Fu con Diocleziano (284-305 d.c.) che la figura dell’agente segreto venne istituzionalizzata con la nascita degli agentes in rebus, che venivano formati in una vera e propria “schola” del palazzo e considerati a tutti gli effetti una milizia; essi si distinguevano in varie professionalità, principalmente in equites, circitores, biarchi, centenarii, ducenarii e monitoravano tutta la provincia romana come un organo di controllo superiore ai governatori locali, per questo motivo erano molto temuti, dalle loro relazioni dipendeva la carriera o la vita stessa dei governatori.

Data l’importanza vitale del loro lavoro erano molto tenuti in considerazione dagli imperatori di turno, tant’è che al termine del proprio mandato, se svolto in maniera impeccabile, venivano “graduati” cum promozione per ricoprire importanti incarichi di governo.

Da anziani venivano promossi a officii princeps delle prefetture pretoriane dove esercitavano la loro azione di controllo sulla burocrazia, godendo di immunità giudiziaria sia civile che penale; alcuni tra loro furono nominati ispettori (curiosi) espletando la loro funzione al di sopra delle province.

Non furono rari i casi in cui il grande potere concentrato nelle loro mani si tradusse in condotte illecite; il filosofo romano Libario li accusò apertamente di “grossolana condotta” dato che da controllori dell’imperatore si trasformarono in estorsori, assumendo atteggiamenti che terrorizzavano gli amministratori delle province che non avevano alcun potere contro uomini al di sopra di ogni legge.

Nella scalata sociale dei frumentarii si legge e si comprende il declino di Roma; erano addetti alla fornitura di grano, fedeli servitori di un ideale e dell’Imperatore, alcuni secoli dopo occupano importanti incarichi di governo, vessatori ed estorsori delle province, hanno fomentato l’odio di chi ha subito i loro soprusi.

È l’inizio della fine di Roma, alla fedeltà si è sostituito l’egoismo, al rispetto dei sudditi si è sostituito l’odio; questa è storia antica e moderna al contempo, tutto si ripete egualmente seppur in mutati contesti.

Fonte: http://www.difesaonline.it

 

 

Smartphone.jpg