Tutti gli specialisti della salute concordano sul fatto che un tubo di acqua potabile fa più per la salute di una popolazione che avanza in medicina. Purtroppo, ancora oggi, in Argentina ci sono vaste regioni che non dispongono di un sistema di distribuzione dell'acqua...

 

 

Proprio per soddisfare le esigenze delle persone che vivono in quelle aree (in cui c'e' la mancanza generale non solo di forniture di acqua, ma anche di energia elettrica) un team di professori e studenti della Facoltà di Ingegneria della UBA (FIUBA) ha appena sviluppato e brevettato un impianto di depurazione delle acque alimentato da energia solare. E 'a basso costo e non richiede praticamente alcuna manutenzione.

"Il nostro è un reparto di formazione e sviluppo di nuove tecnologie, ho ritenuto importante che noi applichiamo la nostra conoscenza per la risoluzione dei bisogni sociali," dice il Dott. Fernando Audebert, CONICET ricercatore e direttore del Dipartimento di Meccanica e FIUBA centro di Ricerca, Sviluppo e Innovazione in Ingegneria e disegno Industriale (Cididi).

Egli spiega che, anche se la metà del territorio del nord dell'Argentina riceve abbondante luce dal sole, non molti sistemi sono progettati per utilizzarlo.

"Per produrre energia solare, ci sono due alternative:. Tecnologia delle celle fotovoltaiche, molto avanzati nel mondo, e la tecnologia termica, come quella utilizzata nell'essiccazione di frutta (Audebert). Per la depurazione delle acque abbiamo pensato ad un altro modo. studiato per la situazione dei poveri ed abbiamo fatto prove sul campo a Colonia Dora e Añatuya. Lì la popolazione sparsa raggiunge il 40%. di famiglie che vivono in capanne isolate, senza elettricità. Devono camminare per chilometri per riempire le scatole con 200 litri di acqua da fiumi, torrenti o pozzi, e cioè la loro acqua."

Si tratta di una zona di scarsa piovosità e saline desolate. Peggio ancora, spesso l'acqua è contaminata con sali, metalli pesanti, microrganismi patogeni e arsenico.

Gli effetti di questo elemento (l'arsenico) sul corpo sono noti fin dal Rinascimento (i Borgia e i Medici lo hanno usato per avvelenare i loro nemici). Se assunto in basse dosi per un lungo periodo da' vita a problemi cardiovascolari, a problemi cutanei, epato, danni neurologici, problemi respiratori ed ematologici. Può anche causare difetti alla nascita e tumori. Il Dr. Mario Goyenechea Rosario ha nel 1913 segnalato i primi due casi in cui sono certificate le conseguenze di epidemie di hydroarsenicism cronica regionale (RCEHA). Si tratta di un problema di salute preoccupante nel Chaco, Córdoba, Formosa, La Pampa, Buenos Aires, Salta, San Luis, Santa Cruz, Santa Fe, Santiago del Estero e Tucumán.

"Come le acque spesso contengono sali, le persone scelgono quelle con il gusto più dolce, che sono paradossalmente quelli più elevato contenuto di arsenico" ha spiegato Audebert. "Allora come possiamo aiutare? Perché non c'è una tecnologia risolutiva (cioè, di quelle utilizzate per interi villaggi) che può essere utilizzata per risolvere il problema di un ranch isolato?"

Fu così immaginato un dispositivo che non richiede manutenzione o energia elettrica, e di rispettare costumi e pratiche tradizionali. "In definitiva, si tratta di un doppio processo di distillazione, che aumenta la resa di acqua e rimuove tutti i contaminanti. All'interno di un liquido che scorre in un circuito chiuso, che è quella riscaldata e trasmette calore, l'acqua si raffredda. Dopo essere stata riscaldata, raggiunge una vaschetta superiore dove subisce un qualcosa di simile all'effetto serra, viene condensato ed entra in una grondaia (biossido di titanio, rivestito con un elemento che produce una reazione catalitica che uccide i microrganismi.) Questi conducono al serbatoio di acqua fresca per consentire l'irradiazione dell'acqua. Invece di un vetro comune viene utilizzato un tipo di polimero che permette il passaggio ai raggi ultravioletti."

Calcolato secondo i suoi creatori, il costo di questa attrezzatura potrebbe variare tra 3.000 e 5.000 pesos. "Se i comuni sono interessati questa tecnologia potrebbe diffondersi rapidamente." conclude il ricercatore.

Fonte estera: http://www.lanacion.com.ar

 


 

Orange_Pi_2G-IoT.jpg