Il successo crescente a cui stanno andando incontro le piattaforme di Arduino e Raspberry ha inspirato altri produttori a proporre microPC sempre più lillipuziani ed economici che, nonostante le dimensioni, hanno tutto quello che serve per navigare sul web e compiere operazioni basilari di ogni PC. L’ultimo arrivato in questo mercato è C.H.I.P., un microPC da 6×4 cm che a soli 9 dollari mette a disposizione un processore Allwinnder da 1 Ghz con GPU Mali 400, 512 MB di RAM e 4 GB di storage per le app e il sistema operativo preinstallato, che in questo caso è derivato da Linux Debian.

Già con questa configurazione minimale è possibile utilizzare Chrome e le applicazioni di Libre Office, sfruttando quindi C.H.I.P. anche per creare e modificare documenti di testo o fogli di calcolo. La vera sorpresa, oltre al prezzo davvero competitivo, è la presenza della connettività Bluetooth 4.0 e Wi-Fi già integrata, senza però dimenticare il parco connessioni davvero ampio per un prodotto così piccolo. C.H.I.P. offre infatti una porta USB, una microUSB, un’uscita videocomposito per il collegamento al TV e un ingresso microfonico, anche se con due adattatori è in grado di fornire anche un’uscita HDMI e VGA.

C.H.I.P. si rivolge anche ai maker interessati alla Internet of Things e a tutti quelli che con un costo davvero irrisorio vogliono viaggiare con in tasca un vero e proprio PC Linux da collegare in pochi secondi a un TV o a un monitor. Al momento C.H.I.P. è un progetto approdato da poco su Kickstarter , dove ha già raccolto oltre 140.000 dollari a fronte di una richiesta di 50.000 dollari (e manca ancora un mese alla conclusione della campagna). Inoltre, per chi necessita di una soluzione ancora più “on the go”, C.H.I.P. sarà disponibile anche in una versione Pocket con tastiera fisica, batteria da 5 ore di autonomia e display da 4,3’’.

Francesco Destri

Fonte: http://www.cwi.it

 

 

 

Se pensavate che un computer più economico di Raspberry Pi fosse impossibile, non avete fatto i conti con Chip, una mini scheda dotata del minimo indispensabile per l’esecuzione di applicazioni del costo di appena 9 dollari. Il progetto è stato lanciato su Kickstarter , dove ha già raccolto il triplo della cifra richiesta a un mese dalla fine della campagna di finanziamento.

Chip integra un sistema Arm composto da cpu single core Allwinner A13 da 1 ghz e gpu Mali400, 512 MB di ram ddr3 e 4 GB di memoria interna. Per le comunicazioni con l’esterno e con le periferiche si affida a un modulo wi-fi e uno bluetooth, mentre il segnale video è distribuito a monitor o tv attraverso un’uscita composita. Quest’ultima forse non è esattamente una soluzione comoda, ma permette di mantenere il prezzo della scheda vergognosamente basso.

Il sistema operativo open source, basato su Linux, permette di eseguire pacchetti di produttività come LibreOffice e di editing audio e grafico, e poi media player, browser web e posta. Con 19 dollari si acquista una batteria separata per portare il computer in giro, mentre con 49 ci si porta a casa un touchscreen e una tastiera qwerty da agganciare a Chip e alla batteria aggiuntiva inclusi. L’arrivo sul mercato è previsto tra un anno esatto.

Fonte: http://www.wired.it

 

 

Il sito di questo progetto, da cui si puo' comprare quanto desiderate: https://getchip.com oppure chiedere informazioni utili. Ha un manuale interno in lingua inglese , ma le immagini sono molto intuitive ed e' consigliabile consultarlo.

Potete trovare alcune istruzioni in italiano su come configurare questo mini-computer premendo qui .

Se volete vedere una serie di progetti realizzati usando Chip andate a questo menu' online .

Ci sono di base due utenti, quello per l'utilizzo normale e' chip (che ha gia' i diritti tipici del comando sudo ) mentre quello di amministrazione e' root , le loro password sono entrambe la parola chip . Se volete cambiare le loro password andate in un terminale, per l'utente chip digitate passwd chip , mentre per cambiare la password di root scrivete passwd , in entrambi i casi dopo cliccate il tasto Invio.

Per prevenire guasti futuri installate da subito la tastiera virtuale che viene attivata dal programma Florence , e' compatibile con questo computer e potrete comandarla eventualmente da un mouse. Se volete usare il terminale ecco il comando: sudo apt-get install florence .

 

 

E' possibile comprare una batteria da 3,7 V e 2 A da un fornitore online premendo qui , se invece servono i cavi per la batteria premete qui .

 

Alcuni per C.H.I.P. comprano sia una tastiera-mouse via usb per configurare il mini computer e che poi tengono di riserva, sia una tastiera-mouse via bluetooth oppure via wireless da usare dopo aver compiuto la configurazione. Si consiglia di comprare dei blocchi tastiera-mouse a basso consumo di corrente per interfacciarsi con Chip usando l'unica usb, oppure per via bluetooth (istruzioni qui) o via wireless (istruzioni qui). Ecco alcuni consigli tratti dal forum di Chip sugli hardware aggiuntivi, secondo il parere dei loro utenti. Mouse e tastiera insieme mediante wireless: Logitech K400 920-007119 Plus Wireless Touch Keyboard oppure New Measy RC12 2.4G RF Wireless Air Mouse Keyboard (la si trova anche presso un altro fornitore ), ma anche la Logitech MK270 Wireless Keyboard and Mouse Combo . Mouse e tastiera insieme mediante bluetooth: Rii K12BT Ultra Slim Portable Mini Wireless Bluetooth Keyboard .

 

 

Una tastiera pero' incredibilmente adatta e' nelle immagini sopra e sotto, usabile con Chip sia mediante cavo usb che con il bluetooth, ed e' una Ultrathin Aluminum Alloy Bluetooth Keyboard For iPad (si trova anche a prezzo basso sia nell'usato, sia in occasioni in diversi siti web). Permette di appoggiarvi sopra un monitor sottile (esempio sotto) e dispone di un pannello che simula l'uso di un mouse.

 

 

Per aumentare le porte usb tenendo conto del basso consumo di corrente elettrica ecco un hub semplice con 2 sole diramazioni (costa 2,5 dollari), di piu' e' possibile che ci sarebbero problemi.

 

 

Esistono gli adattatori applicabili per avere un'uscita video HDMI oppure VGA, per saperne di piu' contattare direttamente l'azienda produttrice.

 

 

 

Un modo semplice per avere la connessione video VGA o HDMI e' quello di usare l'adattatore DIP , che per funzionare puo' avere bisogno di un aggiornamento pero e' molto comodo.

 

 

Casi speciali: gli utenti segnalano che esiste un buon adattatore per eventualmente passare dal formato VGA a quello HDMI, che sarebbe lo HDMI Female To VGA Male Converter Adapter 1080P Stereo Audio Output USB Power , potete così eventualmente avere anche il formato HDMI per il vostro monitor.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Orange_Pi_2G-IoT.jpg