Questa base, adibita in passato alla riparazione di equipaggiamenti militari, si trova nella città di Ussuriysk , nell'estremo Oriente della Russia, a più di 8.800 chilometri ad Est di Mosca. Un tempo era uno dei tre stabilimenti sovietici in cui i carri armati venivano riparati o ammodernati.

 

 

In epoca sovietica lo stabilimento fu più volte premiato dal governo. Nel 2009 lo Stato decise di convertire questo stabilimento per la riparazione dei carri armati in una società per azioni. Pochi mesi più tardi l'azienda fu dichiarata fallita.

 

 

Il terreno circostante è disseminato di vecchi carri armati degli anni Settanta e veicoli da combattimento relativamente nuovi, portati qui dalle isole Curili.

 

 

Talvolta i veicoli corazzati rimangono abbandonati qui per anni, ma il loro destino è segnato: prima o poi infatti vengono fatti a pezzi con la procedura dell'ossitaglio. Nessuno sa che fine facciano i metalli e le lamiere.

 

 

Il processo di disarmo prevede la distruzione degli equipaggiamenti risalenti all'era sovietica e delle strutture protettive realizzate nell'Urss in caso di guerra nucleare. I cartelli avvertono: 'I trasgressori verranno fucilati', ma ormai non contano più.

 

 

Nell'eventualità di un attacco nucleare i sottomarini sovietici avrebbero dovuto portarsi all'ingresso di questa struttura:
l'unico rifugio anti-bombardamento costruito per tollerare l'impatto diretto di un ordigno nucleare. La principale minaccia a questa struttura dell'Estremo Oriente della Russia oggi è rappresentata dai ladri di metallo.

 

 

In base a un accordo raggiunto con gli Stati Uniti nell'ambito del Trattato per la riduzione delle armi strategiche, all'indomani del crollo dell'Unione Sovietica avvenuto nel 1991, la base (un tempo chiamata 'Complesso segreto n. 6'), è stata sommersa.

 

 

Poiché oggi il rifugio è in gran parte sommerso dall'acqua, è impossibile stabilirne con certezza le effettive dimensioni. Di certo poteva ospitare contemporaneamente diversi sottomarini. I costi della sua costruzione possono solo essere stimati.

 

 

Il disarmo ha colpito anche la regione più fortificata dell'Unione Sovietica: quella che circonda Mosca. La struttura di metallo raffigurata nella foto un tempo costituiva il tetto e il pavimento del primo piano di un bunker adibito alle comunicazioni militari. La costruzione si trovava sottoterra, nascosta alla vista dei satelliti di ricognizione.

 

 

Non fu necessario distruggere questa stazione per le comunicazioni spaziali, dal momento che l'esercito sovietico non riuscì a completarla prima del crollo del 1991. La parabola ha lo straordinario diametro di trentadue metri. Oggi la stazione ospita diversi lavoratori stagionali clandestini, provenienti dall'Asia centrale.

 

 

All'interno di questi edifici sferici si trovavano i radar che proteggevano Mosca dai missili nemici. Alcuni di essi sono stati abbandonati, mentre altri oggi ospitano segherie, piccoli stabilimenti per la produzione di macchinari, etc. .

 

 

L'immagine mostra l'interno di una stazione radar di tipo Danube-3, usata per scandagliare il cielo attorno a Mosca, ed eventualmente dare l'allarme in caso di attacco missilistico. Durante il disarmo la stazione è stata di fatto abbandonata: molti strumenti sono stati semplicemente lasciati al loro posto e nulla è stato distrutto.

 

 

Le mappe degli Usa su cui erano indicata l'esatta ubicazioni delle strutture militari sono state abbandonate sia dal comando dell'esercito che dai ladri di metallo, che hanno preso d'assalto la base subito dopo la partenza dei militari. Nessuno vuole vivere, nemmeno gratis, nella piccola città di Pavlovsk, nell'oblast di Mosca. La base militare è stata chiusa, ed i posti di lavoro ad essa collegati sono spariti. Questo aspetto del disarmo, di cui raramente si parla, non è sfuggito agli occhi dei fotografi amatoriali di Kfss.ru e Vkartoteke.ru , che condividono online le loro immagini con altri russi, preoccupati per i vecchi stabilimenti militari dell'Impero Rosso.

Fonte: http://it.rbth.com

 

 

Computer_vecchi.jpg